Questa settimana siamo lieti di ospitare Lucia Cuffaro, autrice del libro ”Risparmia 700 euro in 7 giorni”* e volto noto della tv nel campo dell’autoproduzione, del risparmio ecologico e dei rimedi naturali.

Oggi ci spiegherà qualcosa in più su  come prendersi cura dei nostri bimbi, in modo del tutto naturale.

IGIENE PERSONALE E PRODOTTI PER IL CORPO

La pelle del nostro piccolino è ancora delicata e per questo rischia di essere attaccata da allergie spesso derivate da prodotti troppo aggressivi. Per tale ragione è importante utilizzare prodotti erboristici, evitando il più possibile creme idratanti, prodotti con profumi di sintesi, potenti tensioattivi e conservanti come i parabeni.


boy-67853_960_720
BAGNETTO E SHAMPOO DELICATO
Ingredienti e materiali
– 1 cucchiaio di amido di mais o farina d’avena in polvere
– saponetta alla calendula
Per rendere sicuro e piacevole il momento del bagnetto possiamo disciogliere nell’acqua un bel cucchiaio di amido di mais o di farina d’avena in polvere, utile anche a lenire leggermente gli arrossamenti. Con la stessa acqua frizioniamo con delicatezza i capelli, se ancora sono radi e assomigliano più a peli morbidi. In caso di folte capigliature, invece, possiamo seguire un consiglio che vale anche per i grandi: un delicato sapone shampoo naturale, meglio se alla calendula.

1
LOZIONE LENITIVA: OLEOLITO ALLA CALENDULA
Ingredienti e materiali
– 250 ml di olio vegetale
– 50 g di fiori di calendula essiccati
– barattolo di vetro e bottiglia di vetro scuro
– veletta delle bomboniere
Possiamo autoprodurre un’efficace lozione alla calendula, grazie al metodo di estrazione delle proprietà dei fiori essiccati attraverso la macerazione in un olio vegetale leggero (mandorla, jojoba o sesamo, sconsigliato l’olio di oliva, perché troppo ricco di sostanzenutrienti).
In un barattolo di vetro trasparente inseriamo i fiori di Calendula (si acquistanoin erboristeria)e l’olio, mescolando e frantumando leggermente i petali e i pistilli.
Mettiamo al sole coprendo con un telo leggero come la veletta delle bomboniere, rimestando 1 volta al giorno e avendo cura di ritirare il barattolo tutte le notti all’interno di casa. Dopo 2 settimane in estate, o 4 nel periodo invernale, la lozione è pronta. Per finire non resta che travasarla in una bottiglia di vetro scuro, facendo attenzione a strizzare bene i fiori per non disperderne il prezioso olio. Si usa in tantissimi casi: per calmare l’arrossamento della pelle, per il cambio del pannolino, per lenire le punture di insetto, per idratare anche le mamme o i papà. In questo caso abbiamo un bel risparmio: 2,5 euro circa rispetto ai 15 euro di un buon prodotto erboristico.

baby-560891_960_720
PASTA ALL’ACQUA E OSSIDO DI ZINCO PER ERITEMI E ARROSSAMENTI
Ingredienti e materiali
– 40 g di ossido di zinco
– 40 g di glicerina/glicerolo vegetale
– 40 g di talco
– 30 g di acqua distillata
Gli ingredienti vanno semplicemente amalgamati tra di loro in un barattolino di vetro ben pulito, per ottenere la classica pasta all’acqua con ossido di zinco al 25%. E’ fantastica per lenire gli eritemi da pannolino, e anche per gli adulti, perché attenua gli arrossamenti derivanti da sudore (inguine, ascelle) o a causa di una depilazione. Tutti gli ingredienti si reperiscono con pochi euro speri in farmacia. Il costo è di circa 1,5 euro (150 ml di prodotto), contro i 6 euro minimo dell’equivalente acquistato in commercio.
Non ci resta che provare!!!
11Per acquistare il libro di Lucia Cuffaro sull’autoproduzione e il risparmio ecologico scontato al 15% vai a questo link per ordinarlo on-line QUI
Ogni capitolo di questo libro contiene l’indicazione a seguire una serie di pratiche green:
 – riduzione degli sprechi e ottimizzazione risorse
 – autoproduzione domestica
 – sharing economy
 – riparazione oggetti e manutenzione della casa
-  regali fatti in casa
-  risparmio sulla cura di bimbi e adolescenti
 – cura naturale degli animali
 – usato, sfuso, riciclo e riduzione dei rifiuti
 – orto, compostaggio e risparmio sul verde di casa
 – eco-ufficio
 – testimonianze reali

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here