Ciao a tutti Amici di Arezzo per Bimbi! Com’è andato il vostro trick and treat?Io ho ricevuto tanti lecca lecca a forma di fantasmi e mandarini a gogo, e voi? cosa c’era nei vostri sacchetti stregati? 

Com’è stato seguire i proprio piccoli mostri in giro per negozi e case alla ricerca di un dolcetto e scherzetto ovviamente con tanto di cappello da strega o denti da vampiro che fan tanto halloween adulto? Quante caramelle al caffè offerte avete dovuto mangiare?


Io, una bimba gatto e un diavoletto siamo stati alla passeggiata del trekking urbano voluto dall’omonima associazione nazionale e organizzato dall’Ufficio Turistico del Comune di Arezzo dove, grazie a due preparatissime e gentilissime guide, ci siamo immersi nel meraviglioso mondo dei miti e delle leggende della storia della città. Dal Palazzo del Comune dove abbiamo appreso la storia di Zio Paperone che aveva dato la caccia alla Lancia d’oro della Giostra del Saracino, passando per il Duomo dove riposa il corpo senza testa di San Donato, scendendo il corso verso la Biblioteca, sede delle antiche carceri dalle quale fuggì rocambolescamente il brigante Gnicche, fino alla Piazza Grande dove un maestro orologiaio costruì nel lontano 1552 un orologio astronomico, siamo arrivati alla copia della Minerva per scoprire che fu gettata in un pozzo per salvarla dai saccheggi e poi ritrovata per caso, altri passi per stradine antiche e caratteristiche ci hanno portato in Piazza Sant’Agostino dove anticamente vi era uno dei patiboli della città, per concludere il percorso al Museo Archeologico dove ci hanno raccontato degli antichi riti pagani sulla festa dei morti e della tradizione toscana di intagliare lo zocco, ovvero la zucca, per spaventare i bambini e scacciare il male. Un’ora e mezzo di trekking per prepararci alla grande scorpacciata di dolcetti, ci ha fatto scoprire curiosità e aneddoti sulla città in un’atmosfera imperniata di mistero e paura, accompagnati da bimbi mascherati e adulti pronti a essere affascinati dal mondo del mistero e del brivido e intendere la festività di Halloween come strumento per poter trascorrere del tempo insieme facendo moto e divertendoci. Arghhhhh!

@Federica Pietrolà
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here