AGENDA DEL CONVEGNO:
ORE 8,30 – REGISTRAZIONE PARTECIPANTI
ORE 9,00 – SALUTI ISTITUZIONALI
(Lucia De Robertis, Alessandro Ghinelli, Melania Faggionato)
ORE 9,20 – PRESENTAZIONE LAVORI (Alessio d’Aniello)
ORE 9,25 – SISTEMA 0/6, QUALI BISOGNI DEI BAMBINI ACCOGLIE? (Francesca R. Grasso)
ORE 10,00 – TAVOLA ROTONDA – PUNTI DI VISTA SUL SISTEMA 0-6 (Ass. Lucia Tanti, Antonella Valeri, Eleonora Vanni, Massimo Campedelli, Samuele Borri, Ilaria MAggi, Paola LAnzarini e Donella Mattesini)
ORE 11,45 – Videointervista al Ministro Valeria Fedeli
ORE 12,30 – Presentazione sessioni di approfondimento del Pomeriggio

ORE 14 – INIZIO SESSIONI DI APPROFONDIMENTO

SESSIONE 1: UNA SCUOLA DA ABITARE; INNOVAZIONI E SOSTENIBILITà NELL’ARCHITETTURA PER L’INFANZIA
Partecipano: Sara Sosio (Labics), Marco Dell’Agli (Cucinella), Ettore Bergamasco e Andrea Starr Stabile (02 ARCH),
Modera: Monica Fini
SESSIONE 2: L’ATELIER PER UNA NUOVA IDENTITà DI SCUOLA IN CITTà
Partecipano: Paola Lanzarini, Chiara Arena e Gloria Aguzzi (MAST)
Modera: Paola Cavazzoni (MAST)
SESSIONE 3: QUANDO NASCE IL PINGUINI (-9, +9)
Partecipano: Giuseppina Carboni (Psicopedagogista), Giovanni Poggini (Pediatra), Elena Lupo (Psicologa e Psicoterapeuta Biosistemica)
Modera: Valentina Baglioni (Ostetrica)
SESSIONE 4: DA PICCOLO CADDI IN UNA PAGINA
Conduce: Elena Giacomin (Libreria La Casa sull’Albero)
SESSIONE 5: MANI CHE DIVIDONO, PAROLE CHE UNISCONO: RICONOSCERSI E ASCOLTARE LA VIOLENZA
Conduce: Sara Bonchi (Associazione La Via dei Colori)




INCURSIONE DI TEATRODANZA DI Valentina Sechi, in collaborazione con l’Associazione Sosta Palmizi
Meno Alti dei Pinguini nasce dalla collaborazione tra la Cooperativa Sociale Progetto 5 di Arezzo, la Cooperativa Culturale Giannino Stoppani di Bologna e la Libreria La Casa sull’Albero.
Il dialogo e lo scambio nato nell’ambito del progetto Un Altro Sguardo. Figure e storie di diversabilità nei libri per ragazzi ha generato la progettazione di una serie di iniziative dedicate alla prima infanzia, ossia la possibilità di dare forma e struttura ad una nuova riflessione pedagogica, ad una nuova concezione della relazione adulto/bambino, sviluppando un network a livello locale e nazionale che metta assieme cooperative, imprese, agenzie educative, operatori culturali ed associazioni che a vario titolo si occupano di infanzia.

La riflessione si inserisce in un ampio contesto in continua evoluzione anche alla luce delle recenti disposizioni normative introdotte (“La Buona Scuola”). Risulta quanto mai necessario strutturare un luogo in cui far convergere tali riflessioni per generare uno sviluppo della tematica in ogni suo ambito che possa costituirsi come un tavolo permanente sul territorio nazionale da rinnovare ogni anno.
La nostra proposta, parte dalla convinzione che ci sia la necessità di formare e favorire il generarsi di nuove proposte e anche di nuovi sguardi in grado di sostanziare e dare corpo ad una rinnovata idea pedagogica.
Vorremmo partire da questo nuovo sguardo e creare uno spazio in cui evocare e raccontare, un confronto, di crescita e rinnovamento. Un programma culturale intenso, un evento importante e innovativo nel territorio, fatto di mostre, workshop, incontri formativi per gli insegnanti, momenti di approfondimento per addetti ai lavori.



L’approvazione del sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita fino ai sei anni (D.Lgs.13 aprile 2017, n. 65), costituisce un importante passo avanti verso il consolidamento del diritto di tutti i bambini ad avere pari opportunità di cura, educazione, relazione, gioco e istruzione.
La delicatezza e la complessità di questa legge richiedono l’adozione di un atteggiamento dialogante che ci aiuti ad individuare possibili prospettive ed orizzonti futuri di sviluppo dei servizi educativi e delle scuole d’infanzia.
In tal senso questo convegno intende:
 Attuare una riflessione pedagogica sul tema 0 – 6 partendo da un excursus storico sull’evoluzione che ha portato sempre più a porre i bambini al centro dell’azione e della riflessione educativa;
 Costruire, attraverso attività esperienziali condivise, uno spazio di confronto e approfondimento, partendo dalla cultura, dalle conoscenze e dalle sperimentazioni già presenti nel territorio regionale e nazionale per dare avvio ad una rinnovata idea pedagogica; appuntamenti formativi finalizzati ad affrontare i nodi pedagogici e le sfide organizzative che il sistema 0 – 6 ci pone.
 Favorire partecipazione, scambio di idee e opinioni tra coloro che, a vario titolo, si interessano di infanzia: operatori dei servizi d’infanzia, operatori del sociale, famiglie, studenti e professionisti del settore; favorendo in questo modo anche la comunicazione tra servizi e famiglie all’interno del sistema educativo 0 – 6.
 Promuovere elaborazioni innovative attraverso la creazione di laboratori permanenti propedeutici alla costruzione di un Festival, per seminare e far germogliare una nuova politica e una nuova cultura d’infanzia che ponga al centro i diritti del bambino, in particolar modo il suo diritto all’educazione e cura fin dalla nascita.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here